Alex De Angelis trionfa nella Governor’s Cup sul Moscow Circuit
2017
21272943_1496418707070900_4494063316172715278_o
2
set

Alex De Angelis trionfa nella Governor's Cup sul Moscow Circuit

Alex torna a casa dalla Russia con la vittoria nella Governor's Cup andata in scena oggi sul Moscow Raceway, il tracciato che fino al 2014 ha visto scendere in pista anche i piloti del campionato Superbike. Il pilota di San Marino ha accettato con entusiasmo l'invito di Yakhnich Motorsport per partecipare alla gara nella classe Superbike e mettersi alla prova su un tracciato a lui sconosciuto e una moto mai guidata, la BMW. Giovedì è iniziato il praticantato sul tracciato russo e, turno dopo turno, i tempi si sono abbassati e la confidenza con la moto del team Multimotor è cresciuta. Oggi Alex è scattato bene dalla terza posizione in griglia, ha lottato con gli avversari e infine tagliato per primo il traguardo. Alex, forte anche di un'ottima condizione fisica ritrovata, ha dimostrato anche in questa occasione la sua grande volontà di continuare a gareggiare e scendere in pista ogni volta che si presenta l'opportunità.

Alex De Angelis #15: "Sono molto contento di aver ricevuto l'invito da parte di Yakhnich Motorsport per partecipare a questa gara sul tracciato che fino a pochi anni fa ha ospitato il campionato Superbike. La pista è molto bella, l'evento ben organizzato e mi sono trovato molto bene con la moto e con il team Multimotor che mi sono stati messi a disposizione. Moto e circuito per me erano del tutto nuovi ma, turno dopo turno, abbiamo continuato a migliorare e abbassare i tempi. I ragazzi del team sono stati formidabili e la vittoria è stato il frutto di un ottimo lavoro di squadra.  E' stata una bella gara, mi sono divertito tanto e ci tengo a ringraziare chi mi ha dato la possibilità di partecipare e portare a casa un successo che mi ha fatto tornare il sorriso. Fisicamente sto sempre meglio e la voglia di scendere in pista è tanta quindi colgo ogni occasione per poter salire in sella e gareggiare."
Condividi suTweet about this on TwitterShare on Facebook