Gran rimonta a Jerez e Alex è 7°

  • JIR

È un settimo posto che vale una vittoria morale quello conquistato da Alex nel Gp di Spagna. Il sammarinese è stato protagonista di una rimonta incredibile che gli ha permesso di chiudere al meglio una gara condizionata da un ride through. Un piccolo errore in partenza: Alex si lascia scappare la frizione per un attimo dalle mani, la moto avanza di poco e la commissione gli assegna una penalizzazione per jump start. Al quarto giro il sammarinese ha quindi scontato il ride through ai box rientrando in 32esima posizione. Da qui è iniziata una rimonta serratissima che lo ha portato a guadagnare ben venticinque posizioni in quindici giri. La sua determinazione e una MotoBI praticamente perfetta gli hanno permesso di stabilizzarsi al settimo posto ed è inevitabile chiedersi come sarebbe potuta finire senza la penalità. Al di là delle congetture, resta comunque la soddisfazione per una rimonta fantastica e per essere riusciti a instaurare un ottimo feeling tra moto e pilota. In un campionato combattuto e ricco di protagonisti come questo, la costanza è una delle armi fondamentali quindi i nove punti portati a casa oggi sono importantissimi. Ora che il Gp del Giappone è stato posticipato, il circus mondiale si fermerà per un mese per poi spostarsi a Estoril dove il 1° maggio si disputerà il terzo appuntamento stagionale.

Alex De Angelis: (7°, 50'24.414): “Non sono molto felice della gara ma posso comunque ritenermi soddisfatto per molti aspetti. L'errore in griglia è stato solo un inconveniente, che però ha ovviamente influenzato tutta la gara e di questo voglio chiedere scusa al team. Sapevo che sarei stato penalizzato quindi ho provato ad aspettare il più possibile per far sgranare il gruppo e provare a non rientrare troppo indietro. Quando poi sono rientrato dal ride through ero abbastanza attardato ma sentivo bene la moto, i ragazzi della squadra hanno fatto un lavoro egregio dal warm up per darmi una MotoBI veramente competitiva, tanto che sono riuscito a girare con tempi molto veloci pur senza forzare troppo, perché non volevo rischiare un altro errore. Alla fine sorpasso dopo sorpasso sono riuscito a risalire fino alla 7° posizione. Con il senno di poi mi verrebbe da dire che con questi tempi sul giro avrei potuto giocarmi il podio, ma la stagione è ancora lunga. Di sicuro sono contento del lavoro che abbiamo fatto sia nei giorni scorsi sull'asciutto sia oggi sul bagnato, abbiamo un mezzo molto performante con alti margini”
Chiudi il menu