Alex cade ma convince a Le Mans

  • NGM

La pioggia battente ha reso molto insidioso il tracciato di Le Mans, così tanto che solo 19 piloti della Moto2 hanno sfilato sotto alla bandiera a scacchi.

Alex purtroppo non è tra questi perché è incappato in una brutta scivolata al terzo giro. Il pilota è fortunatamente rimasto illeso e tuto si è risolto con un brutto spavento. Uscito dalla variante dopo il traguarto, il sammarinese ha perso il controllo della sua Suter e ha attraversato la pista mentre il gruppo degli inseguitori sopravanzava. Tutti sono riusciti a schivarlo e il Gp di Francia è stato archiviato con un sospiro di sollievo e un po' di rammarico per aver perso la possibilità di portare a casa un bel risultato.

Alex era scattato bene dalla terza fila inserendosi nella prima curva dietro a Espargaro, Redding e Luthi. Un buon ritmo e un rinnovato feeling con la Suter facevano presagire a una gara avvincente. L'asfalto bagnato e scivoloso di Le Mans ha ben presto messo fine alle speranze ma rimane la consapevolezza di aver trovato un buon set-up di base, sia per condizioni asciutte che bagnate, e un miglior feeling con la Suter del NGM Mobile Forward Racing Team.

Alex De Angelis: “Sono molto dispiaciuto per questo errore ma oggi le condizioni erano davvero molto difficili. Nei primi giri tutto è andato per il meglio, ero tranquillo e, a differenza di Redding e Luthi che hanno preso diverse imbarcate, la mia Suter non ha avuto problemi. Questo fino a quando nella variante dopo il traguardo ho aperto il gas, la moto si è imbizzarrita e, nel cambio di direzione, l'ho persa. Nonostante questo Gp fosse sulla carta uno dei più difficili, anche perché quella di Le Mans è la pista che mi piace meno, siamo molto contenti di quanto dimostrato qui. Non abbiamo portato a casa un buon risultato ma sull'asciutto abbiamo raggiunto una buona posizione in griglia, e sul bagnato siamo andati molto forte. Siamo soddisfatti perchè i progressi sono evidenti e ora attendiamo con ansia il prossimo appuntamento per tentare di raccogliere i frutti del nostro lavoro”
Chiudi il menu