Aragon Round – FP DAY: Alex è undicesimo

Aragon Round – FP DAY: Alex è undicesimo

Inizia con ottimi auspici il week end del Round Superbike di Aragon per il team Iodaracing e per i suoi piloti. Alex De Angelis, al termine delle FP2, ha sfiorato l’accesso alla SP2 per soli 35 millesimi, terminando la sessione undicesimo in 1.51.674. Il pilota del Team Iodaracing ha lavorato con qualche difficoltà al mattino, nella prima sessione di prove libere sul circuito Motorland Aragon, a causa del freddo e del vento. Con una temperatura ambientale al di sotto dei dieci gradi centigradi la confidenza con l’Aprilia RSV4 RF del Team Iodaracing non è stata delle migliori. Nonostante le difficoltà Alex è riuscito a raccogliere dati importanti per il secondo turno che si è svolto in condizioni climatiche migliori dalle 13.30 alle 14.30. Nel secondo turno di prove ad Aragon, netto miglioramento cronometrico per Alex De Angelis, che solo negli ultimi istanti delle FP2 è stato superato nei tempi da Nicky Hayden e Sam Lowes, negandogli l’accesso alla Superpole2. De Angelis, che solo la settimana scorsa si è sottoposto a un delicato intervento per risolvere i problemi al braccio destro derivato dal terribile incidente nelle prove libere del GP del Giappone del 2015, è comunque stato il pilota più veloce in pista facendo segnare la miglior velocità massima della sessione con la sua Aprilia RSV4 RF in 319,5 Km/h.

ALEX DE ANGELIS #15 – 1.51.674 – UNDICESIMO NELLE FP2 – “Per me questo tempo e questa posizione erano assolutamente impensabili. Sono venuto qui con l’idea di provare a girare e quasi mi qualifico per la Superpole2, quindi molto meglio del previsto. Chiaro che un pizzico di rammarico c’è, sono fuori solo per 35 millesimi però abbiamo anche la qualifica di domani per provarci ancora. Abbiamo lavorato bene, tra il turno della mattina e quella del pomeriggio sono riuscito a migliorare di un sacco di secondi. Dobbiamo continuare a lavorare così visto anche che sono reduce da un intervento chirurgico fatto solo la scorsa settimana. Devo ammettere che non sento dolore, ma solo un po’ la ferita, dove mi hanno tolto i punti, che tira e questo mi fa stare all’erta. Ma non ho nulla che mi impedisca di stare in pista e girare discretamente”.
Chiudi il menu